Servizi

Dove, per quanto tempo e quanto costa? La grande panoramica dei punti di ricarica per le auto elettriche

In Svizzera, la wallbox individuale è il modo più comune per caricare l’auto elettrica. Ma non tutti coloro che guidano un veicolo elettrico dispongono di questa possibilità. La panoramica che segue mostra quali sono le opzioni di ricarica disponibili al pubblico.

 

La questione più importante oltre all’acquisto, al leasing o all’abbonamento di un’auto elettrica è la ricarica. Per molti, il «rifornimento» nell’era della Generazione E è ancora un territorio inesplorato perché è una disciplina molto giovane. Tuttavia, c’è qualcosa che si può dire già fin da ora: dopo alcune volte, il processo di ricarica dovrebbe venire naturale alla maggior parte delle persone, come fare il pieno di benzina – o caricare un telefono cellulare. Elenchiamo qui di seguito le caratteristiche a cui si dovrebbe prestare attenzione.

Dove sono le stazioni di ricarica?

L’infrastruttura di ricarica pubblica in Svizzera è in continua espansione e ci sono già diverse migliaia di stazioni di ricarica per le auto elettriche. È possibile trovare stazioni di ricarica nella propria regione in Internet sotto Trova stazione di ricarica. Le stazioni di ricarica sono ubicate tra l’altro nei centri commerciali, nei parcheggi pubblici, nei parcheggi multipiano, presso le attrazioni turistiche e le stazioni di servizio autostradali. AMAG investe in modo massiccio in una propria infrastruttura di ricarica interna: sono disponibili strutture di ricarica presso tutte le sedi, mentre in dodici sedi sono disponibili caricatori rapidi con una potenza di ricarica da 50 kW. 

Come funziona la ricarica?

Quando si carica un’auto elettrica entra in gioco il termine AC/DC, che alcuni potrebbero conoscere bene per via dell’omonimo gruppo rock. AC sta per Alternative Current, DC per Direct Current, ossia corrente alternata e corrente continua. Nel caso delle auto elettriche, la corrente continua (DC) è importante: l’energia immagazzinata nelle batterie è disponibile sotto forma di corrente continua. Poiché però dalla presa di corrente esce corrente alternata, per l’auto elettrica deve essere convertita. Con la wallbox ciò avviene a casa, tramite il convertitore AC/DC installato nell’auto, nel caso della stazione di ricarica pubblica, invece, tramite l’apposita colonnina di ricarica. Per quanto concerne le spine, il tipo 2 per la ricarica AC e la spina CCS per la ricarica DC sono gli standard europei.

 

dssa

 

Quanto tempo ci vuole per caricare?

Nelle abitazioni private, l’auto viene caricata dalla wallbox durante la notte con una potenza di carica fino a 22 kW, quindi per circa 4-8 ore. La ricarica presso i centri commerciali di solito richiede circa la stessa quantità di tempo di uno shopping lungo. Presso altre stazioni di ricarica pubbliche AC fino a 43 kW serve grossomodo lo stesso tempo. Le stazioni di ricarica rapida DC da 50 o 150 kW delle stazioni di servizio sono le più veloci: con 150 kW la macchina è di nuovo pronta dopo una sosta di 20-30 minuti alla toilette o per un caffè.

Quanto costa l’elettricità?

La ricarica lenta alla wallbox privata può essere effettuata comodamente durante la notte ed è leggera per il portafoglio: si usa elettricità a bassa tariffa. Se si installa un impianto fotovoltaico privato, l’elettricità diventa ancora più conveniente, perché non dipende dal prezzo dell’elettricità. Nel caso della ricarica pubblica, a volte le differenze sono considerevoli. Come cliente di un centro commerciale, a volte si può caricare il veicolo elettrico gratuitamente. In generale: una carica completa all’alta tariffa costa circa tra 12 e 20 franchi, alla bassa tariffa circa 10 franchi. Nel caso delle stazioni di ricarica veloce, la kWh costa più. Il pagamento può essere effettuato anche con carta di credito, ma è più comune e altamente raccomandato pagare tramite la carta di ricarica di un fornitore o tramite la relativa app (vedere il punto successivo).

Aderire a una rete di ricarica

Il modo più pratico per ricaricare è aderire a una rete di ricarica. In questo modo si ottiene non solo il vantaggio di non doversi più preoccupare di pagare – come accennato, la fatturazione avviene tramite carta di credito o app – ma inoltre, come membro di una rete, si può beneficiare anche di condizioni preferenziali. Ci sono diverse reti di ricarica in Svizzera, con un’offerta di molte migliaia stazioni di ricarica. Quando si sceglie un fornitore, occorre assicurarsi di avere una copertura adeguata nella propria zona – ma anche che il tipo di fatturazione sia il più conveniente per le proprie esigenze. È importante anche che la rete selezionata permetta l’uso di altre sedi – in questo caso si parla di roaming, in analogia alle reti di telefonia mobile. Non insignificante per una guida sostenibile: tutte le reti di ricarica offrono la possibilità di utilizzare elettricità verde.

I marchi AMAG con le proprie reti di ricarica

Chi guida un’auto elettrica dei marchi AMAG Audi, CUPRA, SEAT, ŠKODA e VW, ha anche la possibilità di diventare membro della rete di ricarica del proprio marchio.

●   Audi dispone del servizio di ricarica e-tron con oltre 240’000 punti di ricarica in tutta Europa. La ricarica tramite la carta di ricarica e l’app myAudi è facile e il pagamento è mensile. Le informazioni sulla posizione della stazione di ricarica più vicina si trovano anche nell’app.

●   Chi guida una SEAT, ed anche i clienti di CUPRA, ŠKODA e VW, può ricorrere alla rete di ricarica Elli, che offre quasi 6500 punti di ricarica solo in Svizzera e 200’000 in tutta Europa. Il sistema funziona tramite scheda di ricarica e app.

●   ŠKODA offre il Powerpass. Con la carta Powerpass, chi guida modelli come ENYAQ iV. ecc. può accedere alla maggior parte dei fornitori di ricarica pubblici e quindi ricaricare praticamente ovunque. La sintesi dei dati di ricarica e dei pagamenti può essere visualizzata dall’app.

●   VW ha lanciato il sistema di ricarica We Charge. Include circa 6500 punti di ricarica in Svizzera (tra cui 500 stazioni di ricarica rapida DC) e oltre 200’000 punti di ricarica in Europa. Il tutto funziona tramite una carta di ricarica e la We Connect ID. App.

 

Installazione di una wallbox

Naturalmente, la cosa più pratica è disporre di un impianto di ricarica privato. Le wallbox possono essere installate sia dai proprietari che dagli inquilini – ma questi ultimi hanno bisogno del permesso del padrone di casa. Circa l’80 per cento della ricarica in Svizzera viene effettuata da queste stazioni di ricarica private (o di proprietà delle aziende). La stazione di ricarica domestica AMAG (senza installazione) costa circa 1600 franchi.

È interessato a una stazione di ricarica domestica?

Giro di prova con un'auto elettrica